..

Il Cuore oltre l’Oceano

Ragazzi ci siamo! Si parte! Sono stato mesi intensi, con un unico obbiettivo: quegli sporchi ultimi 42 chilometri.

Ma New York sarà vostra; anche la mezza maratona di Arezzo, una “sgambatella” di rifinitura è stata messa in archivio. Ed ora si fa sul serio.

Partiti per scherzo vincendo tante peripezie familiari, fisiche e organizzative il momento si avvicina.

Chi ha avuto la fortuna di seguirvi dall’inizio ha visto quello che forse solo voi percepite chiaramente dentro.

Una maturazione (…no Massimo, non quella del cocomero…!!) come persone, come uomini prima di tutto. Maturazione sia dal punto di vista emotivo che caratteriale oltre come gruppo.

Un gruppo di belle persone che sono poi circondate da altre splendide persone che hanno capito l’idea sostenuto il progetto e adesso aspettano la gara e tutto il resto del racconto. Credo che chiunque abbiate avvicinato vi abbia trasmesso un sentimento di stima ma anche di riconoscenza oltre che di desiderio di essere là con voi. L’ideale della Maratona e poi quella di New York è nell’immaginario di tantissime persone; bene voi lo state facendo diventare realtà. Sarà una liberazione? Forse. Ma siate consapevoli che non ci andate da soli che ogni metro delle strade della Grande Mela portate un pezzo delle persone e delle storie che avete coinvolto in questi mesi.

L’idea di unire l’Impresa ad una raccolta fondi solidale oltre ad una buona dose di esposizione mediatica credo che abbia fatto bene prima di tutto a voi stessi.

Ricordo di un recente scambio in chat dove alcuni di voi segnalavano la “remota” (??) possibilità di commuoversi o di cedere all’emozione su quel ponte a Manhattan o in mezzo a tutta quella gente. Ragazzi chapeau! Fate pure; sono solo sentimenti che riconfermano l’ umanità che vi appartiene e che rende meno pesante il sacrificio e le paure degli ultimi mesi. L’incertezza della tenuta del fisico.

Partite così ma tornerete uomini nuovi, con un carico di esperienze e di emozioni che ci racconterete.

Nel vostro caso non state lanciando solo il cuore oltre l’ostacolo, come dice il Bissi; anzi voi lo avete già fatto. Il cuore è già oltre l’Oceano.

In bocca al lupo.

Author: Marcello Bernardini

Please follow and like us:

2 thoughts on “Il Cuore oltre l’Oceano

  1. Vedervi a New York con i cappellini Gialli del Calcit ci riempie di gioia e di un sentimento di Vero orgoglio per quello che tutti insieme stiamo facendo per combattere questa malattia. Un caloroso abbraccio da tutto il consiglio del Calcit.. Giancarlo Sassoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *