..

Di 28 ce n’è uno… per la prossima ne basteranno 31 ?

Continua imperterrita, faticosa, arcigna la nostra preparazione verso la Maratona di New York. Questa volta abbiamo toccato una nuova vetta: 28 km tutti uno in fila all’altro.

Sveglia di buon ora, solito ritrovo alla LIFE di domenica mattina, occhi ancora cisposi dal poco sonno dei più. Un nuovo amico, Giorgio, ultimo arrivato che porta a 10 il gruppo dei nostri maratoneti per NYC, ma con ormai quasi 40 anni di podismo alle spalle. Anche lui, però, è alla sua prima Maratona.

C’è anche il “mitico” Ugo Borg che, per la prima volta, fa il lungo con noi.

Come nell’Arca di Noe, però, mancano ancora i due “liocorni”. Nel nostro caso si chiamano Riccardo e Simone. Incaricati dei ristori da porre lungo il percorso, non hanno calcolato bene che 28 km. ci vuole un bel po a farli anche in macchina e sono in ritardo…. come sempre.

Alla fine arrivano: siamo tutti e ci accingiamo ad iniziare questa nuova avventura.

Percorso lungo il “sentirero della bonifica“.

Si parte baldanzosi, convinti di farcela agilmente dopo i 24 della scorsa settimana.

Dopo pochi km si delinea subito un allungamento nel gruppo. Il Bissi e Giorgio, accompagnati dal Meo e UgoBorg guidano la squadra. Il Rice rimane un metronomo e non sgarra sul ritmo di gara imposto dalla tabella, accompagnato dal Busa che lo sostiene. Chiude il Ricca che tallona l'”omo de ghisa”.

Il sentiero si snoda lungo la Chiana e si fa sempre più campagna man mano che sommiamo i km.

Un “first avenue de chiana“, come la definisce il buon Ugo, che poco ha a che fare con quelle che affronteremo in mezzo ai grattacieli di New York, ma che rafforza il nostro spirito e che ci presenta un panorama toscano che molti ci invidiano.

Dopo 10km, arriviamo al primo ristoro preparato dai nostri. Il Rice ha nascosto talmente bene le bottiglie che il Ricca, andato a prenderle, torna dopo cinque minuti con mezzo chilo di mota sulle scarpe. Sacripanti a parte, ci ristoriamo e ripartiamo…. ne dobbiamo fare ancora 4 in direzione SUD e poi altri 14 in direzione contraria.

Fra cani che che ci danno alle caviglie e bici che ci sfrecciano accanto torniamo indietro, con il pensiero rivolto ai km. che ancora mancano.

La preparazione ormai costante operata su strada ed alla LIFE comincia a dare i suoi frutti e continuiamo sulla strada maestra della Chiana, facendo mangiare la polvere a chi per quella strada semplicemente passeggia.

Al 24°km si palesa una figura sullo scooter in maglia rossa… dapprima indistinguibile in lontananza, poi sempre più nitida…. non ci sbagliamo… è il nostro Mauro “SENSEI” Cacioli che, allenatosi in solitaria di primissima mattina (vabbé, “egli” ha un altro passo!), ci viene incontro per sorreggerci negli ultimi km.

Dall’alto della sua saggezza podistica, trova parole di conforto e motivazione e aiuta chi, indolenzito dal “Boot Camp” del mercoledì, accusa fastidi muscolari vari. Continuiamo ed alziamo il ritmo, ormai il traguardo dei 28 è vicino. La corsa in Via Calamandrei fino alla Palestra è addirittura in progressione.

Arriviamo alla LIFE soddisfatti per questo nuovo traguardo e ci facciamo la foto di rito, magari più stanchi e sconvolti di quando siamo partiti, ma anche soddisfatti per quello che, insieme, abbiamo fatto.

Per domenica prossima si parla di 32 km. e si comincierà a vedere se, effettivamente, abbiamo le qualità per correre la Maratona!

Author: Massimo Biribicchi

Professionista della Finanza Agevolata, atleta più con le gambe “sotto il tavolo” che di corsa.

Please follow and like us:

3 thoughts on “Di 28 ce n’è uno… per la prossima ne basteranno 31 ?

  1. Innanzi tutto faccio i complimenti a Massimo per la prosa semplice ma efficace al punto che, conoscendo anche il percorso, ho avuto quasi la sensazione di essere con voi e condividere le stesse emozioni.
    Sono orgogliosamente il babbo di Ricca e sto approvando ed appoggiando questa avventura sotto qualunque aspetto là si voglia considerare….fisico,mentale, salutistico ed anche ludico . Siete ancora ragazzi e sono certo che quest’ultimo aspetto non sia poi tanto secondario ..anzi !
    Siete un gruppo bellissimo che ho il piacere di aver conosciuto nella quasi interezza e che mi sento di dover ringraziare come padre perché ho sotto gli occhi
    quanto beneficio sta traendo Ricca da questa vostra amicizia al di là dell’obiettivo finale di NY.
    Ricca torna stanco ma felice ..e questo ogni volta mi apre il cuore.
    Mi basterebbero 15 anni meno e sarei con voi .
    Forza ragazzi ..la meta è ormai vicina …Vi voglio bene ,un abbraccio a tutti !

    1. Grazie Claudio delle belle parole. Il Ricca promette bene e penso che sia una delle volte che più lo hai visto motivato nel raggiungere un obiettivo. Grazie anche del “ragazzi”. In effetti, quando siamo tutti insieme ci sentiamo ancora in questa categoria e lo spirito goliardico ci sorregge nell’affrontare le fatiche della preparazione.
      Speriamo che questa nostra inziativa abbia un riscontro tale da poter raccogliere un bella cifra da donare al CALCIT, per dare un ulteriore gioia a questa esperienza per noi unica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *